ritorna all'homepage

Newsletter n.5 Ottobre/Novembre 2005

Addii 4


Torna al sommario


IN PRIMO PIANO ARTICOLI
Pasolini 1
A trent'anni dalla morte resta la parabola ambigua di un poeta sostanzialmente patetico e viscerale
(M.Lunetta)

Pasolini 2
Un poeta civile che ha voluto sfidare la morte e che, in un certo senso, ha perso vincendo

(A.Tricomi)

L’America nera ha perso, con August Wilson, il suo più importante drammaturgo contemporaneo

August Wilson Precoce scomparsa di August Wilson. Un tumore al fegato ha ucciso a soli 60 anni il maggiore drammaturgo afro-americano contemporaneo. Un autore, vincitore di due Premi Pulitzer e di un Premio Tony (l’Oscar del teatro di oltreoceano), che a partire da Ma Rainey e Lezioni di piano, aveva incentrato tutte le sue commedie sull’umanità nera che abitava il ghetto di Pittsburgh, la sua città natale. Riferisce Ennio Caretto (Corriere della Sera) che «Wilson deve la propria fama ai dieci lavori principali, ognuno riassuntivo di un decennio dello scorso secolo… Sono spaccati di un mondo emarginato e vitale, di tassisti e commesse, di artisti ed ex campioni sportivi, ciarlatani e criminali, madri e patriarchi. Ma l’ispirazione è sempre la stessa: la perpetua lotta dei neri per la sopravvivenza, il culto della famiglia, la difesa della propria dignità e delle proprie tradizioni. Wilson, ha scritto Frank Rich, chiedeva all’America nera di onorare il suo passato di non sacrificarlo all’assimilazione in quella bianca». Meticcio di padre tedesco e madre nera, Wilson soffrì con i suoi numerosi fratelli e sorelle la discriminazione razziale durante l’infanzia e furono l’esempio di Martin Luther King e di Cassius Clay-Muhammad Alì a spingerlo verso la ribellione letteraria e il teatro. «Fu Lloyd Richards, un docente dell’Università di Yale, a lanciarlo nell’84 con la messa in scena di Ma Rainey e più tardi limando altre sue opere. Il drammaturgo divenne il vessillo dei migliori attori neri d’oggi, James Earl Jones, Laurence Fishburne, Angela Bassett». Insomma, l’America afro-americana ha perso con lui uno dei suoi massimi poeti.