ritorna all'homepage

Newsletter n.4 Luglio 2005

Carriere editoriali


Torna al sommario


IN PRIMO PIANO
Giulio Einaudi
Lo snobismo, l'egemonia culturale della sinistra e le falle del revisionismo storico




Magagnoli passa da Mondadori a Rizzoli per guidare la narrativa italiana

Melania MazzuccoA sorpresa l'editor di maggior successo della corazzata Mondadori, Stefano Magagnoli, che ha guidato il lancio del super besteseller Il codice da Vinci di Dan Brown, ha abbandonato la casa editrice di Segrate per passare alla concorrente RCS (Rizzoli Corriere della sera) come editor della narrativa italiana. Il grande riserbo che all'inizio circondava l'avvenimento è svanito quanto lo stesso Magagnoli ha confidato a Mirella Appiotti di Tuttolibri (25 giugno 2005) come e perché ha cambiato casacca. «Quando l'azienda ha tramutato il mio ruolo manageriale in uno minore, ho deciso di andarmene», ha dichiarato Magagnoli, che poi ha riassunto le tappe della sua brillante carriera a Segrate. «Da direttore del Club Editori a responsabile dell'edicola Mondadori, dal Mass Market alla Fiction che, oltre a due tra le collane mondadoriane principali, cioè la Sis e Strade blu, l'una più classica nella contemporaneità, l'altra più sperimentale, guidate rispettivamente da due brillanti editor, Luigi Sponzilli e Edoardo Brugnatelli, comprende anche la storica Omnibus, da sempre indirizzata soprattutto alla letteratura commerciale italiana e straniera». E questo è un genere, ha precisato il manager, «da me molto amato così come i suoi massimi autori, da Grisham a Manfredi, da Follett alla Kinsella (scoperta dell'editor Terekiev) e i suoi titoli, da Ramses a L'ultima legione». Quanto ai modi, nessuna chiamata e nessuno scippo. «Sono stato io ad offrirmi - ha detto Magagnoli - al direttore editoriale Paolo Zaninoni. Gli ho chiesto "Mi vuoi?". Ed egli mi ha voluto».

Parlando degli impegni che l'attendono, il nuovo editor Rizzoli ha voluto chiarire che «venire da una lunga relazione con americani e inglesi non credo sia, per il mio prossimo lavoro sugli italiani, un limite (come dai soliti scettici è stato in questi giorni ventilato, di qua e di là». Tra i suoi progetti, la creazione di uno "stile Rizzoli", da realizzare perlustrando la galassia giovane. E giudica «un piccolo capolavoro» il nuovo romanzo di Melania Mazzucco, Un giorno perfetto, che Rizzoli pubblicherà in autunno. Speriamo abbia ragione, ma la Mazzucco non è certo una scoperta.

Fin qui le notizie riguardanti gli aspetti professionali. Ma, per illustrare un altro aspetto più divertente e divertito del personaggio Magagnoli, si può ricordare che in gioventù, cioè 14 anni fa, egli fece parte, assieme a Fabio Fazio, Oreste De Fornari ed Enrico Magrelli, del quartetto di conduttori che affiancava Sandro Paternostro nel programma Diritto di replica, in onda su Raitre il sabato in seconda serata. Un programma ricco di humor e di grande finezza, che consentiva la replica a un personaggio pubblico messo sotto accusa durante la settimana precedente. La sigla era l'inno goliardico Gaudeamus igitur.


                                                                                                                  M.V.