ritorna all'homepage

Newsletter n.4 Luglio 2005

Addii 5


Torna al sommario


IN PRIMO PIANO
Giulio Einaudi
Lo snobismo, l'egemonia culturale della sinistra e le falle del revisionismo storico




Ci ha lasciati Claude Simon, Premio Nobel 1985, tra i protagonisti in Francia del Nouveau Roman

Claude SimonPremio Nobel per la Letteratura nel 1985, lo scrittore francese Claude Simon è morto a 91 anni. Simon che era nato in Madagascar ad Antananarivo, era stato uno dei più significativi esponenti del movimento del Nouveau Roman. In Italia tra i suoi libri più noti, editi da Einaudi, si rammentano La strada delle Fiandre (1960), L’acacia, La battaglia di Farsalo (1969), Trittico (1973). Romanziere di vocazione sperimentale, Simon negli ultimi anni appariva un po’ dimenticato, nonostante il Nobel, il suo stile “oggettivistico”, marcato da un potente accumulo linguistico, minuzioso ed esasperato, non incontrava più il favore della critica contemporanea. Lo ha ricordato Giovanni Mariotti (Corriere della Sera): «… Un libro è un libro, cioè una Forma. Come gli altri autori del Nouveau Roman, Simon aveva rifiutato l’impegno politico della letteratura e la sua trasformazione in un veicolo di idee e di valori morali; ma in lui, ancora più che in altri, non si trattava di arrogante estetismo, bensì di una difesa strenua contro la retorica, e di un ritorno alla realtà, vale a dire a ciò che si vede, che ci sta davanti. Aveva cominciato come pittore (era stato allievo di André Lhote) ed è rimasto per tutta la vita fedele a una vocazione visiva e descrittiva. I suoi libri sono come quadri di battaglie, non sempre assistiti dalla grazia, ma sempre artigianalmente impeccabili. Diffidava della narrazione, della fabula, perché gli sembrava che fatalmente comportasse una morale. Con lui muore… un grande artigiano della scrittura e uno degli ultimi testimoni della sua autonomia».