ritorna all'homepage

Newsletter n.3 Maggio/Giugno 2005

Industria culturale


Torna al sommario


IN PRIMO PIANO
Marketing editoriale
I romanzi dell'anno? Escono a getto continuo



Il bilancio in chiaroscuro di “un paese senza”

Una articolessa di Marco D’Eramo sul manifesto fa il punto sulla situazione dell’industria culturale nazionale approfittando dell’uscita del prezioso Rapporto sull’economia della cultura in Italia (1990-2000), curato da Carla Bodo e Celestino Spada, edito dal Mulino. È il secondo rapporto di questo tipo e D’Eramo avverte subito che l’impresa è improba e «i dati vanno presi con le molle», dovendo mettere assieme i film che si vedono al cinema e i dvd (magari taroccati) che si vedono a casa, i libri, i giornali e le riviste che si acquistano e tutte le forme di consultazione oggi possibili in Rete. Comunque sommando tutti settori (dunque anche i teatri, i musei, i concerti, le mostre e le biblioteche) si arriva ad una spesa privata e pubblica che non superava nel 2000 il 2% del Pil (ossia 46.897 miliardi di lire). Per il settore che più c’interessa riferisce D’Eramo: «Prendiamo la lettura dei libri. Nel 2000 il 60% degli italiani dichiarava di aver letto almeno un libro: il 42,8% nel tempo libero, il 5,4% per motivi professionali o di studio e l’11,8% come “lettori morbidi” (che non si pensano come lettori, ma hanno letto guide turistiche, manuali di cucina, libri gialli…)». Nel dettaglio si vede che la media nazionale dei lettori diventa il 65,5% nel Nord-Ovest, il 67% nel Nord-Est, il 60,9% nel Centro, il 50,8% nel Sud e il 52,1% nelle Isole. Il Rapporto informa, comunque, che «nel 1965 leggevano meno di 7,5 milioni di persone; nel 1975 erano 12 milioni, nel 2000 21 milioni: insomma i lettori sono quasi triplicati in 40 anni. Il che rispecchia la diminuzione dell’analfabetismo che negli anni ’50 colpiva in realtà il 60% degli adulti. Ma questo segnale positivo viene subito smentito dal rapporto che nota come dopo il 1998 il numero dei lettori sia di nuovo andato calando soprattutto tra i giovani». L’assenza storica di una borghesia culturalizzata, l’egemonia di un televisionismo spazzatura, la penuria di investimenti governativi a sostegno dell’impresa culturale sono tutti fattori determinanti nell’evidente sottodimensionamento dell’industria culturale italiana, non all’altezza di un paese che pretende di essere tra le maggiori potenze capitalistiche internazionali. E questa disattenzione o incuria è anche alla radice, come sottolinea D’Eramo, della permanente «fragilità strutturale della classe dirigente italiana». Siamo sempre come scriveva Arbasino «un paese senza».