ritorna all'homepage

Newsletter n.2 Aprile 2005

Milo De Angelis


Torna al sommario


IN PRIMO PIANO
Polemiche
post-ideologiche

Sartre versus Aron


Struggente addio in versi alla moglie

Moriva nel dicembre 2003, a meno di 50 anni, Giovanna Sicari, una delle più sensibili e convincenti poetesse di area romana. Adesso il marito Milo De Angelis, noto poeta milanese, già capofila di quella che fu indicata negli anni ’70-’80 la corrente neo-orfica della poesia italiana, le dedica l’ultimo libro Tema dell’addio (Mondadori), salutato da molti critici come il suo migliore dal tempo di Somiglianze, il suo volume d’esordio (1976). Ha osservato in proposito Franco Cordelli (Corriere della Sera): «Una delle obiezioni che venivano mosse a De Angelis è d’essere un poeta non già ermetico, bensì esoterico, come se si divertisse a cifrare il suo linguaggio, o non potesse farne a meno… Ben diverso è il caso di Tema dell’addio. Oso dire che esso sta alle sue precedenti opere come Satura, e in specie la prima sezione,


Milo De Angelis

“Xenia”, dedicata alla moglie morta, stava alla precedente opera di Montale. In Tema dell’addio, beninteso, De Angelis è sempre De Angelis, non ha ceduto la sua posizione di un millimetro… La novità è che un oggetto, se si può usare un termine così grossolano, un fatto, se questo non coincidesse con un non fatto, con una sparizione (una perdita determinata), occupa l’intero orizzonte della poesia e la àncora a terra. Essa, questa poesia, si divincola disperatamente. Ma la sua voce, per quanto compulsiva, è ferma. Sta lì. Come una roccia». Come recita una delle composizioni di De Angelis: «Nessun gloria in excelsis, ma un groviglio / nervoso, un raschiare di suoni e occhi / fissi all’ingiù, quel niente / che tiene freddo il pensiero, quel tremito / di lampadine e aghi, qualcosa / che s’incarcera dove grida. Il viso / toccava già la sua terra, vedeva lo scorrere / pallido dei fenomeni / oh dormi, dissi, dormi / eppure io ero con te / e tu non eri con me».