ritorna all'homepage

Newsletter n.2 Aprile 2005

IN CORSO D'OPERA


Torna al sommario


IN PRIMO PIANO
Polemiche
post-ideologiche

Sartre versus Aron



Anticipazioni sulle prossime uscite editoriali

ELISABETTA RASY

La scienza degli addii

Ed. Rizzoli, collana La Scala

pp. 260, € 15,50                  

In uscita per i tipi di Rizzoli, il nuovo romanzo di Elisabetta Rasy attinge alla storia per raccontare una passione senza fine sullo sfondo della Russia sconvolta dalla rivoluzione e dalla guerra civile.


Elisabetta Rasy

Tutto comincia in un cabaret di Kiev frequentato da artisti e giovani irrequieti quando Nadeida Khazin, non ancora ventenne, incontra un giovane poeta che recita versi misteriosi e incantatori, Osip Mandel'štam (considerato uno dei più grandi poeti del XX secolo). I due s'innamorano perdutamente l'uno dell'altra e si nutriranno di questa passione fino a quando, nel 1938, al culmine del terrore staliniano, Osip sarà deportato e morirà in un campo di concentramento in Siberia. Dopo la sua morte Nadeida, che non ha mai smesso di sfidare il potere ‑ come hanno testimoniato i giovani visitatori della sua vecchiaia quali Josef Brodskij e Bruce Chatwin ‑ è diventata la memoria vivente della poesia del marito, da lei salvata dalla condanna staliniana.

Elisabetta Rasy vive e lavora a Roma. Per Rizzolí ha pubblicato Ritratti di signora (finalista al premio Strega 1995), Posillipo (Premio Selezione Campiello 1997, Premio Napoli 1997). L'ombra della luna (Premio Donna città di Roma 2000, Premio nazionale letterario del libro d'amore 2001) e Tra noi due (2002, Premio Flaiano 2003).

ERRI DE LUCA

Solo andata

Ed. Feltrinelli, Fuori collana
pp. 80, prezzo non indicato

Arriverà in libreria nella seconda metà di questo aprile il romanzo in versi di Erri De Luca (Napoli, 1950) Solo andata, mentre ancora non s'è spenta l'eco della commedia Morso di luna nuova uscita un mese fa presso Mondadori. Questo poema in due parti fornisce una ammirevole prova d'autore per la capacità di De Luca di conferire valenza poetica a una materia apparentemente poco malleabile nei suoi aspetti umani, civili e sociali. E' la storia del drammatico viaggio di un gruppo di emigranti clandestini dall'Africa verso i "porti del Nord". La prima parte (Sola andata) ripercorre il viaggio, attraverso gli occhi e le parole degli stessi sradicati ed ha un tono più epico della seconda parte improntata sui sentimenti e sui ricordi.

RYSZARD KAPUSCINSKI

In viaggio con Erodoto
Ed. Feltrinelli, collana I Narratori
pp. 232, prezzo non indicato

Traduzione: Vera Verdiani

Sarà distribuito a partire dal prossimo 5 maggio il nuovo libro di Kapuscinski intitolato In viaggio con Erodoto. In realtà è un viaggio con se stesso perché ripercorre le sue inchieste, i suoi reportage raccontando episodi finora ignorati delle sue storie, a cominciare dall’infanzia povera a quando, appena laureato, venne spedito in India e in Cina, assolutamente digiuno di ogni conoscenza su quei paesi. E poi ritorna agli altri suoi grandi viaggi in Africa, in Egitto, in Iran, con le loro identità da interpretare e giudicare, non senza difficoltà. La sua guida segreta è sempre Erodoto, il libro da leggere e rileggere è il suo perché è lui l'autore sommo, non tanto uno storico, quanto il primo vero reporter, capace di narrare i grandi scenari storici ma anche di indagare le passioni umane, la brama di potere, la crudeltà, l'ottusità dei potenti.

IRENE BIGNARDI

Americani
Da Melville a Marlon Brando
Edizioni Feltrinelli

I miti e i riti della vecchia America raccontati da Irene Bignardi in questo suo Americani, che sta per uscire da Feltrinelli. La Bignardi, che ha vissuto negli Stati Uniti da studentessa e poi li ha percorsi in lungo e in largo da appassionata di letteratura e di cinema, raccoglie in questo volume cinquanta storie scritte in venticinque anni di giornalismo culturale tratteggiando tra il piacere della scoperta e e il gusto dell'ironia il quadro di un paese enorme, imprevedibile e ricco di forza creativa.

Irene Bignardi ha studiato a Milano e a Stanford, è stata inviato di cultura e critico cinematografico de la Repubblica ed è direttore del Festival Internazionale del Film di Locarno. Ha scritto, tra l’altro (per Feltrinelli), Memorie estorte a uno smemorato, Vita di Gillo Pontecorvo e Le piccole utopie.

GIORDANO MEACCI

Tutto quello che posso

Ed. minimum fax, collana nichel
pp. 273, € 12,00

Una raccolta di racconti di sorprendente vigore inventivo, il cui titolo Tutto quello che posso sembra quasi esprimere il rammarico dell'autore d'essere costretto in limiti invalicabili. In realtà sembra il contrario visto che i temi del suo narrare variano disinvoltamente dalle deformazioni fantasiose di personaggi storici alle esternazioni di una forte passione civile. Per esempio a Salisburgo, nel 1760, ci si trova di fronte a un Mozart di appena quattro anni che si diverte a tormentare la propria bambinaia mentre il suo genio musicale cresce di pari passo con una smania irresistibile di pronunciare frasi oscene. In un altro racconto un giovanissimo Ludwig Wittgenstein dà ripetizioni di letteratura a un suo coetaneo particolarmente tardo di nome Adolf Hitler. Invece in una Roma di oggi un impiegato statale è alle prese con un saccente monaco del XV secolo. Ancora, la crisi di un insegnante nell’Italia del 2020, dove l’istruzione si è aziendalizzata fino alla nausea.

Giordano Meacci (Roma, 1971) ha scritto il reportage narrativo Improvviso il Novecento. Pasolini professore (minimum fax, 1999) e il saggio Fuori i secondi. Guida ai personaggi minori (Holden MapsRizzoli, 2002). Un suo racconto è apparso nell’antologia La qualità dell’aria (minimum fax, 2004).

PIER VITTORIO TONDELLI

Altri libertini

Ed. Feltrinelli, collana Vintage, 2005
pp. 200, € 10,00

Prima edizione nei "Narratori" nel 1980
Ripubblicato in "Universale Economica" dal 1987.

Nuova offerta del libro d'esordio di Pier Vittorio Tondelli (Correggio, R.E., 1955-1991) divenuto un libro di culto per più di una generazione dopo un inizio molto contrastato, che lo vide sequestrato per oscenità ma poi assolto dal tribunale. I sei episodi che lo compongono, così innovatori nella loro rappresentazione realistica delle inquietudini della vita studentesca a Bologna negli Anni Settanta, ne fanno un'opera tra le più significative del secondo Novecento. E' il motivo dell'ennesima pubblicazione. Peraltro va ricordato che Tondelli ha svolto una lodevole attività di talent scout curando le antologie under 25 Giovani blues nel 1986 e Belli e perversi due anni dopo. Gli ultimi suoi romanzi sono Rimini (1985) e Camere separate (1989).

( a cura di Massimo Vecchi)